Stefano Lodoli - Trainer

Personal Trainer

Personal Trainer Roma - Stefano Lodoli

Il Personal Trainer, la professione più bella al mondo. Per me lo è.

Credo che fare il Personal Trainer, l’insegnante, l’istruttore, sia la professione più bella al mondo. Per me lo è. Non riesco nemmeno a considerarlo un lavoro anche se devo perché è così che mi procuro da vivere. Il mio mestiere di Personal trainer e di insegnante nasce da una passione forte. Più vado avanti e più scopro cose che devo e voglio studiare, imparare, provare. La mia formazione non finisce mai.

Purtroppo, dopo tanti anni di lavoro nelle palestre e nei centri sportivi, posso dire con certezza che non tutti prendono sul serio il compito del Trainer o Personal Trainer. Molti si accontentano di una preparazione superficiale, non approfondiscono la conoscenza limitandosi a quel poco che può servire a crearsi un’immagine all’interno della palestra dove svolgono l’attività. Quelle stesse palestre che spesso puntano soltanto a ‘mandare avanti’ l’attività commerciale senza seguire un criterio etico e professionale che deve essere alla base di un lavoro che ha a che fare con il benessere e la salute delle persone.

Per questo motivo ci tengo a dare un messaggio diverso da quello che viene dato da molte palestre e da molti colleghi che non la pensano come me:

In tanti anni di formazione il mio obiettivo è sempre stato il benessere della persona, il mio focus è sul movimento, sulla funzionalità e finalità dell’allenamento e non sarà mai sull’aspetto estetico e basta, tipo muscoli pompati senza alcun criterio e controllo! L’aspetto estetico è la naturale conseguenza di un allenamento ben fatto e personalizzato.

Negli ultimi anni, molte persone si sono avvicinate allo sport per motivi diversi. Un po’ per moda, un po’ per compensare la vita statica, un po’ per un senso estetico, un po’ per sentirsi meglio. In realtà, il modello di cultura fisica è cambiato ormai da qualche anno e di conseguenza anche la professione del Personal Trainer si dovrebbe trasformare. Le persone sono diverse e chiedono qualcosa di diverso, sono cambiate le esigenze.
Nel passato si pensava quasi esclusivamente alla massa muscolare e, casomai, alla pratica sportiva e spesso certe doti fisiche si dovevano avere già in partenza per poter affrontare degli allenamenti faticosi, piuttosto impegnativi.

Oggi, l’allenamento non è più una cosa adatta ai più ‘fissati’ o a chi fisicamente può permettersi delle grandi fatiche. L’allenamento è per tutti e risponde a esigenze più popolari tipo quella di tonificare il proprio corpo, mantenersi in forma ma con una certa leggerezza, sentirsi meglio. Questo nuovo atteggiamento rispecchia il mio modo di essere insegnante, istruttore, Personal Trainer.
Ogni persona è un essere unico e complesso e deve essere capita, valutata, seguita e accompagnata tenendo conto di questo. E l’aspetto estetico è solo una delle componenti che tengo sotto controllo. Ma un corpo che lavora bene, funziona bene, sta bene, diventa un corpo bello da vedere. Quando una persona si affida a me con i suoi obiettivi, io l’accompagno in questo personale percorso di benessere.

Fortunatamente l’attività fisica, l’allenamento in palestra, oggi risponde anche a un bisogno percepito: prevenire le malattie. Prendi le malattie cardiovascolari, per esempio, ma anche quelle metaboliche (diabete…) e le patologie osteoarticolari, tutte si possono prevenire (e anche tenere a bada) con il giusto allenamento fisico. Ecco, siamo più consapevoli del nostro corpo e della nostra salute, di conseguenza ci informiamo di più e sappiamo cosa può farci bene, sappiamo quanto sia utile prenderci cura del nostro corpo e di conseguenza della nostra mente. Un’altra necessità molto forte che porta le persone ad allenarsi, è fare attività fisica insieme agli altri, quindi socializzare, conoscersi, fare un’esperienza di benessere comune.

Credo di poter affermare che il BENESSERE della persona, oggi è più importante della sola estetica. Che poi, ripeto, l’estetica è una conseguenza perché un corpo che sta bene diventa un BEL corpo. Ed è questo il ‘trucco’, prendere in considerazione tutti gli aspetti del movimento, dell’attività fisica, dell’allenamento e personalizzarli perché ognuno di noi ha bisogno di esprimere se stesso senza troppe forzature. Ogni persona, di fatto, ha bisogno di un programma personalizzato e di un professionista che sappia cogliere le sue esigenze e potenzialità per ottenere i migliori risultati nei tempi giusti.

È questo il mio mestiere di Personal Trainer: accogliere nella sua unicità, ogni persona che ha l’esigenza di essere seguita e accompagnata in un percorso personalizzato di allenamento fisico. Tutto questo facendo attenzione al corpo, alla mente e al cuore.

Perché un personal trainer non può essere solo un tecnico ma deve avere diverse qualità che lo rendono completo e adatto a questo ruolo. Deve avere pazienza, deve saper ascoltare e accogliere e deve essere attento e riservato. E deve essere tecnicamente molto preparato, certo, altrimenti può creare danni importanti.

Questa è la mia idea di Personal Trainer, questa è la mia passione e il mio lavoro, il mio compito nella vita.

Stefano Lodoli

Continuando a navigare nel sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Altre informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi